Privacy online per i minori, che casa cambia?

Con il recepimento del Regolamento 2016/679/UE, il 19 settembre entrerà in vigore il decreto che fissa a 14 anni l’età minima per esprimere il consenso al trattamento dei dati personali nei servizi online, allineandosi agli altri paesi europei.

l Garante per l’infanzia e l’adolescenza, ha dichiarato che l’abbassamento dell’età del consenso digitale dai 16 ai 14 anni sia adeguatamente compensato e accompagnato da programmi formativi specifici, rivolti ai minorenni, che ne assicurino una sufficiente consapevolezza digitale.

La Garante Filomena Albano ha anche ricordato che un adolescente oggi necessita del consenso genitoriale per il trattamento dei dati personali in qualsivoglia contesto offline, pertanto, si rende sempre più necessario puntare sulla consapevolezza digitale.

 

Visita il sito dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza

Privacy online per i minori, che casa cambia? ultima modifica: 2018-09-14T18:01:49+00:00 da Umberto Darsiè
Post suggeriti